Appuntamento al buio con un Velista

Donna con animo avventuroso e piena di fantasia, donna priva di quei fronzoli che gli altri definiscono “etichetta”. Donna dal look sportivo e dal carattere versatile.

Lucia su alcyone

Se ti identifichi in questa sommaria descrizione, ed una amica ti dice: ”Ti presento un amico velista”, per favore pensaci bene sopra prima di accettare questo appuntamento al buio con un velista.
Riflettici bene e soprattutto prendi informazioni dal web, dall’enciclopedia o dalle riviste: prima di approcciare ad un appuntamento con un velista devi conoscere!!! Mai arrivare impreparata.

Io lo fui.

Lui ti sta portando sulla sua barca (ovvero l’amore supremo con la A maiuscola).
Dimentica di usare il tailleur o il vestitino di seta tanto sexy. Non se ne accorgerebbe.
Dimentica di usare quelle belle scarpette tacco 12. Se ne accorgerebe e te le farebbe levare.
Dimentica anche le scarpette tipo chanel tacco 6. Se ne accorgerebe e te le farebbe levare.

Usa insomma scarpe molto comode tipo da ginnastica! Ma ATTENZIONE!! Tu speri ti guarderà negli occhi? No! Lui noterà il colore della suola delle tue scarpe quindi dovranno essere rigorosamente con la suola bianca.

Molto dipende dalla stagione del famigerato incontro/appuntamento: non usare collant e comunque per toglierti da ogni impaccio metti ai piedi dei calzini comodi e controlla non abbiano buchi. In barca si avanza scalzi e all’interno della barca questa non è una richiesta ma bensì un dovere.

Se non hai mai usato un WC marino bada bene di avere la vescica vuota! Non bere nelle precedenti tre ore, non bere caffè o te (sono diuretici) e solo dopo aver fatto il tour della barca ed aver elogiato tanta magnificenza, solo allora, chiederai senza mostrare imbarazzo come si usa il famoso WC marino. Mi raccomando non fare la furba e vedi di ricordare perfettamente e precisamente l’uso della pompa del suddetto WC ( se tu facessi 3 pompate di meno potresti provocare un inizio di gastrite al povero velista ).

Ovviamente ti sarai informata precedentemente, (altrimenti leggiti “il Glossario di Lucia“) quindi quando avrai inciampato per la prima volta in una corda ovviamente il tuo sussulto e la tua esclamazione sarà: ”Hops, non ho visto la cima!” e quando ti sarai quasi rotta un dito del piede, scontrando quella specie di fungo metallico dovrai dire: ”Hops, non ho visto il winch!”.
Non so come proseguirà il tuo incontro/appuntamento ma se proprio ‘sto velista ti piace, già così potresti avere qualche chances.

Ah, dimenticavo!… Se e quando questo incontro fosse andato a buon fine (a buon fine per chi????), se proprio questo velista ti piace tanto e se tu fossi entrata nelle grazie della barca (ricorda sempre che LEI è l’Amore) allora vedi bene di avere sempre con te, specialmente in navigazione, un paio di collant. Non fare voli pindarici sul desiderio e intorno a strabilianti performance! Ho parlato di collant e non di calze a rete; non sarà importante il colore o la marca perchè il velista non farà caso a nulla di tutto ciò. I collant gli potrebbero essere utili quando e se, in navigazione, si dovesse rompere la cinghia dell’alternatore.



 


Precedente Elba - Capraia - Corsica |Estate 2014 Successivo Genova - città nuovamente in ginocchio